Sei in: Home Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente

Amministrazione Trasparente
Decreto Legislativo n. 33 del 14 Marzo 2013
Sabato 20 Aprile è entrato in vigore il Decreto Legislativo n.33/2013 che impone agli enti locali nuovi obblighi di pubblicazione degli atti. Il codice prevede che nella Home page dei siti istituzionali delle PA sia presente una sezione denominata "Amministrazione Trasparente"  strutturata in sottosezioni secondo lo schema del D.L.gs n.33/2013
  • il Programma triennale per la trasparenza e l'integrità ed il relativo stato di attuazione;
  • il Piano e la Relazione sulla performance;
  • l'ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e l'ammontare dei premi effettivamente distribuiti;
  • l'analisi dei dati relativi al grado di differenziazione nell'utilizzo della premialità sia per i dirigenti sia per i dipendenti;
  • nominativi ed i curricula dei componenti degli Organismi indipendenti di valutazione e del Responsabile delle funzioni di misurazione della performance;
  • i curricula dei dirigenti e dei titolari di posizioni organizzative, redatti in conformità al vigente modello europeo;
  • le retribuzioni dei dirigenti, con specifica evidenza sulle componenti variabili della retribuzione e delle componenti legate alla valutazione di risultato;
  • i curricula e le retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico amministrativo;
  • gli incarichi, retribuiti e non retribuiti, conferiti ai dipendenti pubblici e a soggetti privati.

Responsabile per la Trasparenza del Comune di Patti, .
Le sezioni sono in corso di aggiornamento in relazione alla produzione, da parte degli uffici competenti, delle informazioni richieste.   Molte delle informazioni sono già pubblicate da tempo nel sito comunale, e le sezioni rinviano a dette pagine ove ricorra il caso. 

Amministrazione Trasparente

Alert generale

Si informano gli utenti della sezione "Amministrazione trasparente" che i dati personali ivi pubblicati sono riutilizzabili alle condizioni previste dalla normativa vigente sul riuso dei dati pubblici (direttiva comunitaria 2003/98/CE e d.lgs. n. 36/2006 di recepimento della stessa), in termini compatibili con gli scopi per i quali sono stati raccolti e registrati, e nel rispetto della normativa in materia di protezione dei dati personali. (estratto da deliberazione Garante privacy n. 243 del 15 maggio 2014, pubblicata sulla Gazzetta ufficiale n. 134 del 12 giugno 2014).