Sei in: Home
IL COMUNE INFORMA; AVVISO PUBBLICO PER GLI UTENTI DISABILI MINORI GRAVI
SI RENDE NOTO, che ai sensi del D.P.R.s. n.589/GAB del 31 agosto 2018 che disciplina le modalità e i criteri di erogazione ai Distretti Socio Sanitario per gli interventi finanziari in favore dei disabili gravi, e del D.R.S. n.1716 del 16.12.2020 che prevede interventi in favore dei minori affetti da disabilità  è possibile per i minori disabili gravi, facenti pare del Distretto Socio Sanitario  n. 30 (Comuni di Patti, Montagnareale, Librizzi, S.Piero Patti, Oliveri, Gioiosa Marea , Piraino, Brolo, Ficarra, S.Angelo di Brolo, Ucria, Raccuia , Sinagra e Floresta ) presentare,  ai sensi dell'art. 3 comma 3 legge n.104/92, l’istanza presso l'ufficio protocollo del  Comune di residenza per l'attivazione del Patto di Servizio  (secondo quanto disposto dall'art. 3 comma 4 lett.b) del D.P. n. 589/2018)  che individui forme di assistenza a mezzo di erogazione di servizi territoriali.
La richiesta va presentata presso l'ufficio protocollo del  comune di residenza entro e non oltre il 31 Novembre 2021, pena la non ammissione.
Il modello dell’istanza, può essere ritirato presso gli uffici dei servizi sociali del Comune di residenza o scaricato dal sito istituzionale dei Comuni dell’AOD n.1.  
  
l'istanza dovrà essere corredata da:
  • copia del documento di riconoscimento
  • la certificazione ISEE (fatta eccezione per i soggetti minorenni), rilasciata nell’anno 2020, dagli uffici ed organismi abilitati. Ai disabili gravi che producano un ISEE pari o superiore a € 25.000,00 le prestazioni saranno ridotte del 30%;
  • verbale della commissione  attestante la disabilità grave,  ai sensi dell’art.3 comma 3 della legge n. 104/92 ;  
A seguito della presentazione della richiesta si provvederà all'accertamento delle condizioni di dipendenza vitale e del grado di non autosufficienza del soggetto disabile grave a cura dell'Unità di Valutazione Multidimensionale (socio- sanitaria) e si procederà alla presa in carico e all'elaborazione di un piano personalizzato “… dal quale si evincano eventuali altre forme di assistenza diretta e/o indiretta, da ciò deriva, al fine di scongiurare sovrapposizioni o duplicazioni di interventi…”   la definizione di un budget di progetto dal quale emerga con chiarezza la tipologia d'intervento pianificata e le risorse approntate oltre che le risorse di cui è beneficiario il disabile a motivo della sua condizione.
Per le considerazioni suesposte, secondo le modalità del D.D.G n.1716/2020 dovranno seguire le seguenti fasi procedurali:
- Redazione del patto di servizio e contestuale comunicazione all’UVM:
l’ufficio comunale dei servizi sociali, dovrà provvedere insieme agli interessati alla redazione e sottoscrizione dei patti di servizi, nonché alla contestuale comunicazione e invio all’UVM di ciascun patto di servizio sottoscritto. 
- Erogazione:
dopo la sottoscrizione del Patto, segue l’erogazione dei servizi secondo una delle  modalità previste dall’art.9 della l.r. n.8/2017.
- Completamento del Progetto Personalizzato:
l’ASP ricevuto, il patto  di servizio, avvia la redazione del PAI, ai sensi dell’art.21 del DPCM del 12.01.2017.
Saranno escluse  le istanze pervenute oltre il termine prefissato o non corredate dai certificati sopra indicati.